La Badia di S.Agata

Si affaccia su via Vittorio Emanuele II, di fronte al giardino del Duomo di Catania: è la splendida Badia di S.Agata, chiesa dell’omonimo monastero di benedettine e autentico gioiello dell’architettura barocca.

L’edificio è stato costruito fra il 1735 e il 1767 sulle rovine del vecchio complesso monastico originario ( 1620) distrutto dal terribile terremoto del 1693. Si racconta che al completamento dei lavori, il suo autore, l’architetto palermitano Giovan Battista Vaccarini abbia rifiutato il compenso che gli spettava.

Egli era infatti, particolarmente legato a S.Agata, e decise di offrire la Badia alla Santuzza in segno di devozione. Perciò non volle accettare, a nessun titolo, denaro dalle benedettine del convento.

La Badia di S.Agata è una chiesa piuttosto piccola ma molto aggraziata nelle proporzioni ed estremamente raffinata nel decoro interno. Per il progetto, Vaccarini si ispirò alla chiesa romana di S.Agnese in Agone: in origine l’edificio era tutto in pietra lavica nerissima. Oggi, dopo l’ultimo restauro, appare d’un bianco candido che contrasta fortemente con il tipico nero “catanese” dei palazzi circostanti.

L’interno è un unico ambiente di forma circolare sormontato da una ampia cupola, con cinque altari: il maggiore e altri quattro ornati da statue di santi in stucco lucido e marmo. Una grande cappella laterale dedicata al SS.Mo Crocifisso ha alla base una grande grata metallica: qui un tempo si apriva la ruota di comunicazione col monastero.

Da queste grate di metallo ( “gelosie” ) immediatamente sotto la cupola, le monache di  S.Agata potevano seguire la messa secondo i dettami imposti dalla clausura. Come la quasi totalità delle benedettine catanesi, esse appartenevano a casate nobiliari ricche e prestigiose, ed entravano in convento in giovane età.

Dopo la soppressione degli Ordini monastici decretata dalla legge del 7 luglio 1866, la Badia venne, insieme al monastero, confiscata dal nuovo Stato Italiano. Le monache che non avevano una famiglia alla quale tornare poterono restare, ma ad alcune condizioni. Potevano, ad esempio, abitare solo alcuni locali del convento: il resto era occupato da uffici dell’amministrazione comunale. Private dei loro beni e delle loro rendite, le suore vissero da quel momento in condizioni di estrema indigenza: l’ultima di loro morì, poverissima, nel 1929.

Donatella Pezzino

La prima foto ( facciata) è di Giovanni Dall’Orto; le due che ritraggono l’interno sono di Studio Ellenia+3 ( www.tribenet.it)

Annunci