da “Alba e Tramonto” di Riccardo Mitchell

Tu Musa alcuna non avrai che questa:

e quando il Sol dechina, e il giorno muore,

dirai che in mezzo alle sventure resta

almeno il core.

Grande tu l’ama; e per la secca fronda

una parola ancor serba, un saluto;

chè agli occhi del Cantor luce feconda

ha il fior caduto.

 

Riccardo Mitchell  (Messina, 1815 – 1888)

Letterato e patriota, di padre irlandese, fu insigne intellettuale e professore di estetica e letteratura e poi, dal 1865 al 1876, rettore dell’Università di Messina. Prese parte attiva ai moti del 1848; dopo l’Unità Italiana gli fu conferita la Medaglia Commemorativa dell’Unità d’Italia. Membro dell’Accademia Peloritana dei Pericolanti, fu una delle voci più interessanti del Romanticismo siciliano. Tra le sue opere maggiori, oltre a diverse traduzioni di Esiodo ed altri autori greci, si annoverano le sillogi poetiche “Ore poetiche” (1842) e “Canto e luce” (1872).

*

Donatella Pezzino (Fonte: Wikipedia)

La poesia è tratta dall’antologia “Poeti siciliani del secolo XIX” a cura di Francesco Guardione, Palermo-Torino, Ed. Carlo Clausen, 1892.

Immagine: Autunno, di Michele Catti  (Palermo, 1855 – 1914),olio su tela, 1905-1910, Collezione Galleria d’Arte Moderna (Palermo). Foto di BellEpoque – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=61298145

Annunci