Cecilia Deni

 

MI_Personaggi_CeciliaDeni-e1457467732734

Cecilia Deni nacque a di Militello in Val di Catania ( CT) nel 1872.

Fin da giovanissima si distinse per le sue spiccate doti intellettuali e per la sua delicata sensibilità poetica: con il suo primo volumetto di poesie “Primi canti” , pubblicato a soli 18 anni, Cecilia attrasse l’attenzione di Mario Rapisardi che ebbe per lei parole di elogio.  Ottenuto il diploma magistrale a Catania nel 1890, si laureò a Roma nel 1894 con il massimo dei voti in Lingua e Letteratura Italiana. Tornata in Sicilia, ottenne subito la cattedra di lettere italiane alla Regia Scuola Normale “Giuseppina Turrisi Colonna” di Catania; successivamente, dal 1916 al 1932, ebbe l’incarico di Preside della Scuola Normale “Regina Elena” di Acireale, di recente fondazione.

Alla professione di educatrice, Cecilia affiancò una fiorente attività letteraria che si espresse nella pubblicazione di numerose raccolte di poesie, nella stesura di un poema ( l'”Alberto”, 1922), in collaborazioni con giornali e riviste e in testi di critica e storia della letteratura. Fra i suoi saggi più importanti si ricordano “La donna nella poesia del Medio Evo”, “Il pessimismo nei poeti italiani precursori di Leopardi”, “Le donne del romanticismo”, “I Madrigali di Mario Tortelli”  e “I sonetti di Vittorio Alfieri”. Non mancò in lei l’interesse per la cultura e il folclore di Sicilia, soprattutto in merito ai canti popolari e alla poesia dialettale: a queste tematiche Cecilia dedicò diversi studi, che culminarono nella pubblicazione dei saggi “Canti di popolo in Sicilia” e “La poesia popolare e i poeti dialettali in Sicilia”. A questi scritti si aggiungono due raccolte di favole e la bozza manoscritta di un romanzo rimasto incompiuto.

La sua vasta e articolata cultura riscosse l’ammirazione dei contemporanei; ebbe contatti con i più grandi letterati del tempo ( Ada Negri, Verga, Capuana, Carducci, Martoglio, solo per citarne alcuni) con i quali intrattenne rapporti di amicizia e di corrispondenza.  Oltre che nell’attività di letterata, Cecilia fu molto attiva dal punto di vista umano e assistenziale: nel 1909 fu una delle fondatrici della sezione catanese dell”Unione Femminile Nazionale”, un’associazione benefica a favore dell’infanzia, della famiglia e della donna. Morì nel 1934.

La Cecilia Deni poetessa ci ha lasciato in tutto sette raccolte: la già citata Primi canti (1890), Verso l’erta (1900), Echi primaverili (1901), Idilli e Scene (1903), Idillj (1912), Patria (1916) e Liriche (1934). Composta da pensieri, prose e liriche è l’opera “Adorazione”, che Cecilia pubblicò nel 1907 in memoria del marito. Per la freschezza dello stile, la grande forza espressiva e la classicità delle forme, i suoi versi sono stati spesso accostati a quelli di Ada Negri.

Donatella Pezzino

Leggi le liriche di Cecilia Deni

Fonti:

Annunci

Liriche di Cecilia Deni

MI_Personaggi_CeciliaDeni-e1457467732734

Cecilia Deni (  1872-1934), nativa di Militello in Val di Catania ( CT), fu poetessa, educatrice, saggista e grandissima oratrice. A soli 18 anni, la pubblicazione del suo volume di poesie “Primi canti” le valse il plauso di Mario Rapisardi. Ottenuto il diploma magistrale a Catania nel 1890, si laureò a Roma nel 1894 con il massimo dei voti in Lingua e Letteratura Italiana. Tornata in Sicilia, insegnò lettere italiane alla Regia Scuola Normale “Giuseppina Turrisi Colonna” di Catania; successivamente, dal 1916 al 1932, ebbe l’incarico di Preside della neo-istituita Scuola Normale “Regina Elena” di Acireale. La sua vasta e articolata cultura riscosse l’ammirazione dei contemporanei; ebbe contatti con i più grandi letterati del tempo ( Ada Negri, Verga, Capuana, Carducci, Martoglio, solo per citarne alcuni) con i quali intrattenne rapporti di amicizia e di corrispondenza. Oltre che nell’attività di letterata, Cecilia si impegnò in diverse attività benefiche a favore dell’infanzia, della famiglia e della donna. La sua ricca produzione letteraria comprende opere in versi e in prosa, saggi di critica letteraria e articoli su giornali e riviste. Per la freschezza dello stile, la grande forza espressiva e la classicità delle forme, i suoi versi sono stati spesso accostati a quelli di Ada Negri. Ho tratto le poesie che seguono dalla raccolta “Verso l’erta” che Cecilia pubblicò nel 1900 con l’editore Giannotta di Catania.

Donatella Pezzino

****

Foglie e speranze

Riposan nella quiete altissima del bosco

gli alberi sonnolenti, nel plenilunio mite,

si specchiano nel lago, come in un cielo fosco,

i tremolanti rami. Le foglie scolorite

 

van per l’acque vagando, simili a coppe d’oro,

con dolce ondulamento, staccante al ramo verde

della quercia superba, del faggio e dell’alloro.

E l’avido mio sguardo la debil traccia perde

 

del cammin fantastico! Io penso alle divine

speranze che del ramo fiorente di mia vita

si staccano ad ogni ora e in mar senza confine,

il funebre viaggio compion nella infinita

 

alta quiete del tempo…

***

Piazza dei Martiri

Benchè nel cielo s’asconda la luna

il mare brilla di strani bagliori,

e nella piazza, che avvolge la bruna

notte, gli spettri cospargono fiori.

 

O tu che aneli cantar la fortuna

di morte glorie e d’intrepidi amori,

o tu che sogni al chiaror della luna,

vieni a sognare qui sotto gli allori.

 

Vedrai nel sogno di giovani arditi

gli alteri petti le palle sfidare,

cader sui lembi di vecchie bandiere.

 

Che visioni di magiche sere,

che desideri di mondi infiniti,

nell’azzurrino silenzio del mare!

***

Sogni folli

Or la penna d’avorio posa stanca

sovra i nitidi fogli non vergati,

e folleggianti su la carta bianca

volano i miei pensier foschi e dorati.

 

Non può la penna mia agile e franca

vederli nelle strofe incatenati,

poiché ogni ardire, ogni vigor mi manca,

alla carezza dei miei sogni alati.

 

Così, vittoriosi prigionieri,

frangono i lacci, con disdegno audace,

e invano il core trepido sospira.

 

Ah nei sepolcri dei sonetti austeri

dormir non vonno, cercano la pace,

oltre la sfera che più larga gira!

***

Beatrice

Candide verso il limpido oriente

si distendon le nubi e il mattutino

sole, col vivo raggio adamantino,

bacia la terra di dolor fremente.

 

Solo vaga lo spirito dolente

del Vate, meditante sul destino

dell’uomo, come un sogno alto e divino,

Beatrice gli appare sorridente.

 

Ella, col dolce riso, in lui raccheta

i fieri sdegni, e in alto lo trasporta

e lo cinge d’eterno abbracciamento;

 

al canto onipossente del poeta

dell’Inferno si schiude l’altra porta,

si sgombrano le vie del firmamento.

***

Da “Verso l’Erta”, Catania, Niccolò Giannotta Editore, 1900 – reperibile per la lettura a questo link: https://www.yumpu.com/it/document/view/36420909/verso-lerta-the-university-of-chicago-library/11

Fonti:

– Santi Correnti, Donne di Sicilia, Catania, Tringale, 1990 pp.168-169.
http://www.siciliaedonna.it/senza-categoria/nello-musumeci-omaggia-la-poetessa-cecilia-deni
http://www.fancityacireale.it/wordpress2/piccola-storia-di-jaci-la-preside-cecilia-deni

 

Gammazita

5037f9cd-167a-4cbf-8579-10fad0ebb08e_800x600_0.5x0.5_1

La figura di Gammazita appartiene a quel nutrito gruppo di leggende fiorite intorno ad antichi siti dei quali non si conosce l’origine. La sua storia è legata in particolare al celebre “Pozzo di Gammazita”, una cavità naturale che si trova nel cuore del centro storico di Catania.

Sebbene la sua storicità non sia un fatto accertato, non è da escludere che Gammazita sia realmente esistita. La sua vicenda si colloca nella Catania del 1280, in piena dominazione angioina:  in quel periodo, i siciliani erano frequentemente oggetto di angherie e soprusi da parte dei francesi dominatori. In questo clima di oppressione, che culminerà nella Guerra del Vespro (1282), le donne erano esposte di frequente a molestie e abusi di ogni genere.

Giovane, virtuosa e di rara bellezza, Gammazita aveva attratto l’attenzione di Droetto, un soldato francese violento e corrotto. Nonostante la fanciulla fosse già fidanzata e promessa sposa, Droetto cominciò a corteggiarla con molta insistenza. Di fronte alla ferma resistenza di Gammazita, l’uomo si fece sempre più pressante: per lei diventò una vera e propria persecuzione tanto che, per motivi di sicurezza, prese la precauzione di uscire sempre accompagnata.

Un giorno, però, un’urgenza la costrinse a recarsi da sola al pozzo per attingere acqua. Mentre era sul posto ecco arrivare Droetto: Gammazita tentò di fuggire, di chiamare aiuto, ma il posto era isolato e nessuno poteva sentirla. L’uomo l’aggredì con violenza e lei, pur di non cedergli, decise di gettarsi nel pozzo.

Questa coraggiosa fanciulla che aveva preferito la morte al disonore divenne presto l’emblema della fierezza e dell’onestà femminile ( “l’unuri di i fimminini siciliani”), ispirando romanzieri e cantastorie. La tragica scena della sua morte è effigiata in uno dei lampioni di Piazza Università a Catania (foto in alto).

Il sito nel quale sono stati identificati i resti del pozzo di Gammazita si trova in un cortile di via San Calogero, nei pressi del Castello Ursino. Il pozzo, in parte ricoperto dalla lava del 1669, è stato molto ricco di acqua fino al XIX secolo; poi, si è progressivamente inaridito.

Catania_Gammazita

Sul suo fondo esistevano delle incrostazioni di colore rossastro, lasciate probabilmente dai residui di ferro e magnesio: il popolo, però, le credeva tracce dell’autentico sangue di Gammazita e vi trovava una conferma della storicità dei fatti.

Donatella Pezzino

Immagine del lampione di Gammazita da http://catania.meridionews.it

Immagine dell’accesso al pozzo da http://www.wikipedia.org

Fonti:

Topazia Alliata

Topazia_Alliata_thumb400x275

Topazia Alliata nacque a Palermo il 5 settembre 1913.

Apparteneva ad una famiglia antica e illustre: gli Alliata, infatti, erano una casata nobiliare di origine pisana presente in Sicilia fin dal Quattrocento. Topazia era figlia del principe Enrico Alliata di Villafranca, proprietario delle cantine di Casteldaccia e della famosa azienda vinicola “Corvo Duca di Salaparuta”. La madre Sonia Ortuzar, cilena, era una cantante lirica che in gioventù aveva studiato con Enrico Caruso.

La futura pittrice, quindi, crebbe in un clima familiare molto stimolante dal punto di vista culturale. Fin da ragazzina manifestò un eccezionale talento per le arti figurative: la sua sensibilità, però, si discostava molto dai canoni artistici del suo contesto sociale e culturale. Topazia, infatti, si sentiva molto più vicina alle avanguardie che avevano in Renato Guttuso e Nino Franchina due dei massimi esponenti. In un periodo in cui l’accesso delle donne agli studi poteva risultare complicato, la ragazza si iscrisse all’Accademia di Belle Arti e, grazie al supporto del padre, fu accettata alle lezioni della Scuola Libera del Nudo, aprendo la strada ad altre giovani pittrici.

L’atteggiamento della giovane artista non mancava di suscitare scandalo negli ambienti altolocati dell’epoca, ma lei non sembrava curarsene: una forte curiosità verso il nuovo, il diverso e l’esotico la spingeva ad interessarsi a tutte le forme di cultura. Ad un concetto di vita e di arte intesi come continuo “viaggio” si univa in lei una decisa insofferenza agli schemi e alle regole prefissate:  fu questo uno dei motivi che la spinsero ad innamorarsi di Fosco Maraini, l’antropologo fiorentino che sarebbe diventato suo marito.

quadro topaziaTopazia e Fosco si sposarono nel 1935: le partecipazioni di nozze furono disegnate dalla stessa Topazia, che vi si ritrasse nuda, di spalle, insieme al suo sposo. I due si stabilirono a Fiesole, dove vissero i primi anni di matrimonio in forti ristrettezze economiche. Nel 1936 era nata la prima figlia, la futura scrittrice Dacia Maraini; qualche anno dopo, Fosco vinse una borsa di studio che richiedeva una lunga permanenza in Giappone per una ricerca incentrata sugli Ainu, una popolazione del nord dell’isola. Topazia, Fosco e la piccola Dacia si stabilirono a Hokkaido nel 1938; nel 1939 e nel 1941 la coppia ebbe altre due figlie, Yuki e Toni. Furono anni piacevoli e intensi, caratterizzati dalla conoscenza di una cultura antica e raffinata e dal contatto con i giovani intellettuali del luogo.

Nel 1943, il governo giapponese chiese ai Maraini un giuramento di fedeltà alla Repubblica di Salò: Topazia e Fosco rifiutarono e furono internati con le figlie in un campo di prigionia. Fu un periodo estremamente drammatico. Racconta Topazia:

“Ci misero in un edificio alla periferia di Nagoya. Eravamo un piccolo gruppo formato da una quindicina di italiani. La nostra famiglia, nel frattempo, era cresciuta. Tra il 1939 e il 1941 erano nate Yuki e Toni. Sentivo lievitare la disperazione. Come le avremmo accudite, nutrite, protette? Ci tolsero progressivamente il cibo. Ci ridussero alla fame. A volte erano i contadini a darci qualcosa da mangiare. Nelle torture che i poliziotti del campo avevano ideato c’era quella che non potevamo poggiare la schiena contro la spalliera, né contro il muro. Ci urlavano, ci colpivano con i loro bastoni. Mai ho visto tanto odio e ottusità.”

Nel 1946, terminata finalmente la guerra, Topazia tornò con la famiglia in Sicilia e si stabilì a Bagheria, nella monumentale Villa Valguarnera. L’anno successivo morì il padre, e Topazia prese in mano le redini dell’azienda vinicola: il rinomato vino “Colomba Platino” è infatti una sua creazione. Nonostante tutti i tentativi di salvare la “Corvo Vini” e le Cantine di Calsteldaccia dalla crisi del dopoguerra, Topazia dovette rassegnarsi a venderle nel 1959.

Ormai la pittura attiva era un capitolo chiuso; nonostante ciò, Topazia restava sempre molto impegnata dal punto di vista artistico e culturale. Da pittrice divenne gallerista e nel 1959 aprì a Roma, dove si era trasferita qualche anno prima, la “Galleria Topazia Alliata”, dedicata all’esposizione dei pittori d’avanguardia.

Morì il 23 settembre del 2015 all’età di 102 anni.

Donatella Pezzino

Immagini: dal web

Fonti:

Graziosa Casella

Senzanome

E’ veru sì, s’avissi diciott’anni

o puru vintott’anni, comu a tia,

non li patissi tanti disinganni

nè mi vinissi sta malincunìa.

La poetessa Graziosa ( Grazia ) Casella nacque a Catania il 20 novembre del 1906.

Catanese purosangue, Graziosa ebbe una vita sentimentale difficile e chiacchierata: madre di cinque figli, partorì la sua primogenita Tommasa all’età di soli 19 anni ( cui seguirono, diversi anni dopo, Salvatore e Maria Adele; ma dalla sua lirica “Li me figghi” pubblicata nel 1956 apprendiamo di altre due nascite) ma si sposò solo nel 1946 con l’insegnante Rodolfo Puglisi, di 15 anni più anziano di lei.

In questo periodo, Graziosa cominciò ad affacciarsi sulla scena poetica catanese che, nel secondo dopoguerra, costituiva uno dei substrati più fiorenti e stimolanti del panorama culturale italiano. Nel corso della sua attività, interagì con poeti illustri come Boley, Giuseppe Nicolosi Scandurra e Vito Marino, con i quali instaurò una pluriennale relazione fatta di scambi, provocazioni, “botta e risposta” e discussioni su argomenti di vario genere.

Di ampia e raffinata cultura, si fece notare per un uso ricercato della lingua italiana e per la sua grande ricchezza espressiva. Conosceva approfonditamente la storia antica e la mitologia, parlava correntemente l’inglese e scriveva abitualmente sia in italiano che in dialetto. Curiosa ed eclettica, mostrò in svariate occasioni una eccellente capacità nel padroneggiare i temi più disparati, dall’amore al tormento esistenziale, dall’amicizia all’insofferenza verso i canoni imposti da una società ipocrita e benpensante.

Quest’ultimo tema, in particolare, costituisce il filo conduttore di tanta produzione poetica della Casella: molte delle sue liriche, infatti, raccontano delle sofferenze procuratele dalle malelingue e dalle calunnie in diversi momenti della sua vita e soprattutto a causa del suo amore, tanto intenso quanto impossibile, per un uomo di parecchi anni più giovane di lei.

A questo legame, Graziosa dedicò nove splendidi sonetti e in particolare “S’avissi diciottanni”, componimento poetico dove l’amarezza del disinganno si unisce ad una straziante sete d’amore. Altri temi ricorrenti nella sua produzione furono la descrizione della natura, la devozione a S.Agata, la passione viscerale per la sua terra e gli affetti personali interpretati con una vena intimista di eccezionale profondità.

Le sue liriche, pubblicate su diversi giornali dell’epoca e soprattutto sulla celebre rivista di satira, politica e cultura “Lei è lariu”, riscossero molto successo e le regalarono una grande notorietà nonostante la quale ella mantenne sempre un contegno umile, serio e dignitoso, sia davanti ai suoi estimatori che nei confronti di chi la denigrava.

Prima della morte, avvenuta nel dicembre del 1959, Graziosa consegnò ai suoi colleghi poeti due manoscritti, “Ciuri di spina” e “Autunnu e primavera”: queste raccolte, mai pubblicate, racchiudevano poesie vibranti di tutta la sensualità, la passione e il dolore di cui l’animo sensibile della poetessa era stata capace.

Nonostante il successo e la popolarità raggiunte in vita, Graziosa Casella è oggi poco conosciuta e del tutto dimenticata. Recentemente, il poeta e musicista Alfio Patti ne ha ricostruito il profilo ed il percorso culturale, raccogliendo alcune delle sue più belle liriche nel suo saggio “Arsura d’amuri. Omaggio a Graziosa Casella” edito da Bonanno (2013).

Donatella Pezzino

Poesie di Graziosa Casella

Fonti:

 

 

Poesie di Rosina Muzio Salvo

rosinamuziosalvo2b

Rosina Muzio Salvo ( Termini Imerese, PA,1815-1866) si distinse fin da giovanissima per una forte inclinazione verso le idee liberali, l’anticlericalismo e il femminismo. Ci ha lasciato articoli, poesie, romanzi e vari scritti dove l’intento pedagogico si mescola ad un profondo amor di patria, al ruolo centrale degli affetti familiari e ad una tenace fede nelle potenzialità della donna. Le poesie qui riportate sono tratte da un volumetto che l’autrice pubblicò a Palermo nel 1845.

***

Romanza

Ahi quante volte all’aura,

Che mi lambiva il viso

Dei tuoi sospir , conquiso

Balzava forte il cor,

E d’ogni cura immemore

Viveva per l’amor!

 

Nei lumi tuoi specchiandomi,

L’immago mia vedea,

Ed ebbra a te dicea:

« lo son felice appien. »

Vidi mia viva immagine

Incisa nel tuo sen….

Ma assisa sotto il salice,

Quando dicesti: « Addio! »

La terra a me spario,

Sugli occhi scese un vel:

Quindi gli apersi…. al misero

Ch’è mai la terra, il ciel?

(2 agosto 1841)

***

Giulietta

Addio! – Sa ’l ciel se dato fia vederci! –

Languidamente nelle vene freddo

Timor mi serpe, e de la vita il foco

Par che si spenga. –I miei più fidi or tosto

Vo’ richiamar, conforto al cor daranno.

Mia dolce madre… Oh cielo! a che venirne?

lo tal cimento affrontar deggio sola….

A me nappo pietoso…. Ahimè! se vano

Liquor racchiuda, ad altri sposa andarne

Forza mi fora?… Ah no! tu ’l vieterai….*

Ma se timor l’astuto frate spinse

Ad apprestarmi un tosco, onde sottrarsi

A la vergogna, che su lui cadria

Pel dolce nodo ch’a Romeo mi stringe,

E ch’egli benedisse?… Lungi, lungi

Sospetto vil! Ciascun santo lo chiama ,

E l’opre sue non tradîr mai tal grido. –

Nuovo , giusto timer l’alma m’invade…

S’io nell’avel pria di venir Romeo

Schiudessi i lumi!… aura feral spirando

Entro quell’arca , in la cui sozza bocca

Aura di vita mai non spira. . . . Ahi priva

Di sensi giacerei pria di vederlo!…

E ov’io pur viva ancor , la fantasia

Da tetra notte orrendamente accesa ,

Da spaventose immagini di morte,

E dal terror del luogo , agli avi miei

Antico asil…u’ l’ossa ammonticchiate

Confondonsi coi teschi…. ove Tebaldo

Intriso ancor di sangue, in suo lenzuolo

Avvolto, ai vermi è pasto. . .. ove s’aduna

Di truci spettri orrido stuol la notte. . . .

Ahi! tra l’infame lezzo, e orrendi stridi,

Al di cui suono impazzano i viventi,

Cinta d’interno da pàure atroci,

Il senno perderò !. . . Tripudiando

Furente allor dei padri miei coll’ossa ,

Io correrò Tebaldo a svincolare

Dal funebre suo velo, e a brani a brani

In un baleno squarcerò sua salma ,

E da tremenda stolta furia invasa ,

Di gioia schiamazzando, con un osso

Percoterò mie tempia , e le midolle

Ne schizzeran. .,. Oh! mira! è di Tebaldo

Lo spettro… . A vendicar l’inulto sangue

Sul mio Romeo sen viene…. Ahi! ferma! ferma!

lo volo a te Romeo! Tutto il tracanno.

(1841)

*Posa un pugnale

***

La delusa

Là dov’è ’l ciel più fulgido ,

Fragrante più ’I sentier,

Ove più Palma innalzasi

Su i vanni del pensier;

 

Tra le carole l’alito

D’amore mi creò ,

E di sventura il turbine

Nel duol m’inabissò.

 

Speme di gloria invasemi ,

Ed ebbra di desir ,

Di tante pene immemore ,

Vivea nell’avvenir. . . .

 

Stoltezza! più non s’agita

A quel sorriso il cor;

Ch’è mai, ch’è mai la gloria,

Se non l’abbella amor!

(30 maggio, 1842)

***

Siciliani

Havvi un divino senso, un’armonia

Tra cuore a cuore; una possente, arcana

Voce fraterna, che ad amar ne, sforza!

O tu, il cui nome tra gl’incensi e gl’inni

Una gente codarda al cielo estolle ,

Dorata plebe , ascolti tu tal suono?

Ascolti tu la disperata madre,

Ch’urta, rompe la folla , si gridando:

« Rendetemi il mio figlio! Ahi! con quest’occhi

Da un ribaldo, da un demone assalito ,

Cader trafitto il vidi! » Il grido ascolti

D’una gente raminga , senza un tetto

Che la ricovri, un pan che la disfami?

L’irrequieta , baldanzosa turba ,

Nel cui cipiglio è fitto un pensier truce,

Pensier di sangue, non iscorgi?… Ahi tutti

Sul tuo capo ricadano i misfatti!

E di chi è mai la colpa, se nel sangue

Una sfrenata plebe si gavazza,

Sfamando il duole, l’innasprita rabbia

Di vedersi qual gregge vilipesa?

E mente, e core forse il ciel concesse

A te soltanto, e l’umile genia

D’ogni luce privò? Di questo suolo,

Di questo ciel, che onnipossenti fiamme

Nell‘anime trasfonde, non è figlio

Il derelitto vulgo? Or questo foce,

Che per immensi campi spaziando,

È fatto divo dallo studio, e l’arte;

Questo foce compresso, alfin prorompe

Rapidissimo, e tutto incende, e strugge!

O stuol patrizio, a cui fortuna arrise,

Non vedi tu quanta miseria accogli

Tra l’immense dovizie? Orsù , tracanna ,

Tracanna il nappo di tuo folle orgoglio…

Ebbro n’esulta… ma non senti a tergo

Una voce tremenda che ti grida:

« Di tua possanza è già caduto il regno? »

 

Dal Tamigi al Sebeto in ampie sale

Radunansi i fanciulli, un amoroso

Sacro ministro alla virtù li educa,

Mentre una donna con soave affetto

Libri, lavori appresta, e quanto puote

L’intelletto avvivar, rendere un giorno

Utili quelle braccia, quelle menti

A se stessi, alla patria. Ai pensier casti

I fanciulli nudriti, ed al lavoro,

Del delitto le vie fuggono adulti.

Or mentre ovunque alla virtù s’educa

L’infima plebe, su di cui pietosa

Veglia l’illustre gente, alle rapine

Alle bestemmie, al sangue, tra noi cresce,

Educasi, s’inspira! Amor, pietade,

Non sole preci, è del Signor la legge. –

Va dal tapino, ne raccogli i nati,

E in terra un serto, in cielo un seggio avrai.

(2 dicembre, 1843)

***

Romanza

Ogni fior mi sorridea ,

Ogni suono mi beava,

Quando in mente risplendea

Un angelico pensier.

 

Carolando a me d’innanti ,

S’involò l’ebbrezza arcana ,

Spine acute, laceranti

M’ingombrarono il sentier.

 

È pur questo il cielo mio,

Tutto luce , tutto amore;

Questo il caro suol natio ,

Questi i fior ch’amavo un di.. . .

 

Ma qual’ombra errante affiso 

Gli astri, il cielo, il colle, il prato,

Da quell’estasi diviso,

Tacque il mondo, e disparì!

(Febbraro , 1845)

Liriche di Giuseppina Turrisi Colonna

foto-113-520x245

Giuseppina Turrisi Colonna ( 1822-1848), figlia del Barone di Buonvicino Marco Turrisi e della nobildonna Rosalia Colonna Romano, crebbe in un ambiente familiare culturalmente stimolante e ricevette un’educazione accurata che si unì alla sua spiccata sensibilità personale verso gli ideali romantici di patria e libertà. Le liriche che seguono sono tratte dalla raccolta che la poetessa pubblicò per l’editore Le Monnier di Firenze nel 1846.

***

A Rosalia Colonna Nei Turrisi Baronessa di Buonvicino

Me solo amor consiglia,

Me sol conforta amore;

Dei carmi d’ una figlia

Quale offerta più nobile

Più degna è del tuo core?

Oh se l’affetto vero,

Le immagini leggiadre

M’infiammano il pensiero,

È tuo l’ onor, la trepida

Gioia, diletta Madre!

Sai chi dell’ estro il foco

Mi desta, chi m’ inspira?

Per te, pel natio loco,

Per l’amor dei magnanimi

Sudo a temprar la lira.

Che vai, se tanto zelo

Strugge l’etate acerba?

Io sol vivere anelo

Per poco, e te fra l’itale

Madri lasciar superba.

***

Ultimo canto di Lord Byron

È ver; posarsi ormai dovrebbe il core,

S’è mal gradito, nè più gli altri infiamma;

Pur, non amato, serberò d’amore

Viva la fiamma!

De’ miei verd’ anni ecco fornito il corso;

Non ha più fiori amor, non ha più frutto;

Deh che mi resta? col fatal rimorso

Lagrime e lutto !

Come vulcano solitario splende

Nell’ alma il foco, e mi consuma, e spira;

Non altra fiamma che l’ estrema incende

Funerea pira!

Ogni cresciuto, ogni crudel tormento,

Ogni speranza, ogni gelosa pena,

D’amor la forza più non reca, il sento,

Ch’ aspra catena.

Oh men leggiadra è qui la mente e l’ alma !

Dei molli affetti vincerò la possa,

Avrò, lo spero, degli Eroi la palma,

0 nobil fossa.

Oh Grecia! oh gloria! d’ ogni tema ignudo

Dell’ armi ascolto, delle trombe il suono;

Come Spartano sul difeso scudo,

Libero sono.

Desta, o mio spirto, — che la Grecia è desta! —

Desta il tuo foco, la virtù che langue!

Forte mi scuoti: a versar corro in questa

Impresa il sangue!

Vinci ogni affetto risorgente, indegno

0 fredda etate ! — se per te si sprezza

Il riso, il pianto, il simulato sdegno

Della bellezza.

Oh perchè vivi, se caduto piangi

Il fior degli anni? qui novelli onori

Frutta la morte — fra le achee falangi

Combatti e muori.

Facil si trova, e fia per te del forte

Bello il sepolcro — intorno guata e scegli;

Nè dal riposo d’ onorata morte

Fia chi ti svegli.

***

Alla sorella

Quel di, che contemplal lieta e dolente

L’onesta immago del Toscan Maestro,

Che a me sì pueril d’ anni e di mente

Lo stile invigorì, gli affetti, e l’estro;

I’ benedissi la virtù crescente

Del tuo pennello generoso e destro;

Senza pianto, gridai, senza contrasto

Sien le tue glorie: ad ogni danno io basto.

 

Ma da quel dì quanto sudasti, e quanto

Nella mano crescesti e nell’ ingegno;

Tutto è nell’ arte de’ tuoi dì l’ incanto,

E della fantasia popoli il regno:

A te scrivendo giorno e notte accanto,

Ogni effigie che pingi, ogni più degno

Pensier tolgo alle fiamme, chè non mai

Di te, dell’opre tue paga sarai.

 

Questi cari pensier tutti raccolti

In bel volume fra i miei versi mira;

Molti li lodan, li vagheggian molti,

Ma sol l’ anima mia se n’empie, e spira.

Un’eterea sembianza, un di quei volti

Che sol d’ aver sognato il cor sospira,

Qui trova il cor. Più del soave

Albani Celesti pingerai gli aspetti umani.

 

Deh pennelleggia pur su queste carte

Le vittorie d’Italia e di Triquetra;

È la Patria dì noi la miglior parte,

E lo sa chi per lei vivere impetra:

Pari nel foco, nei pensier, nell’ arte,

In pari uso volgiam colori e cetra:

Tu di te stessa, o Cara; io degna sia

Del mio Maestro e della Patria mia.

***

Le rimembranze

E del viaggio fatlcoso anch’ io

Trascorrer veggio il sedicesimo anno,

E sento come fugge ogni desio

Nella misera valle, ed ogni inganno:

Quanti pietosi, ahimè, del viver mio

Conforto vero, abbandonata m’hanno;

Quanti che meco semplici fanciulli

Sorridean nelle fole e nei trastulli.

 

Con che dolcezza candide, serene

Di quei primi anni mi rivivon l’ore,

Che s’ adornavan come liete scene,

Come un bel sogno, come un dì d’ amore!

Di cari eventi, di memorie piene

Ritornano dolcissime nel core;

E quei tanti discesi negli avelli

Ritraggon vivi e favellanti e belli ! —

 

Tempo felice ! a piè dell’ amorosa

Antica fante m’ assidea le sere,

E commossa intendeva e lagrimosa

Nelle fole dolenti e lusinghiere,

E ripeteva, come santa cosa,

Quei cari nomi nelle mie preghiere;

Ed oh con che pietà serbava in petto

I casi d’ una pia , d’ un giovinetto !

 

Caramente serrando nelle braccia

L’immagine talor d’una fanciulla,

La baciava per gli occhi e per la faccia,

E dì fregi adornavale la culla.

Tempo felice! d’aurei sogni in traccia

Nulla pur sogno che t’uguagli, nulla

Di quei ludi fu mai, di quella niente

Più soave, più caro, e più innocente!

 

Poichè d’ altri piacer, poichè d’ altr’ opra

La verissima brama s’accendea,

Sopra le carte meditando, e sopra

I miei pensier, le notti producea:

E di qual nei bei rischi il senno adopra,

Quella trepida speme in cor sorgea,

E viva in ogni loco, in tutte l’ore

Nel suo segreto la nutriva il core.

Ed un colloquio di che amor, di quale

Ritentami pietà! — Pallido il raggio

Della Luna piovea, le tacite ale

Scotea ricca dei fior l’ aura di maggio;

E sciogliean lamentando oltre il viale

Gli usignoletti il flebile linguaggio,

Allor che mesta una dolcezza move

Dal ciel , dai fonti , e dall’ erbette nove.

 

Meco seduta una gentil donzella,

Perchè, diceva, nei severi studi

Perdi il sorriso dell’ età novella,

Perchè vogliosa ti travagli e sudi?

Qual si legge sai tu, qual si favella:

Cessa le cure faticose e rudi,

E meglio godi ricreduta, oh meglio

Ai passeggi, ai teatri, ed allo speglio! —

 

Io di rincontro: il sai; dai teneri anni

Arcanamente dentro il cor profondo

Un amaro provai senso d’affanni,

Un tedio lungo, un diffidar del mondo.

Nè della giovinezza i dolci inganni

Mi suadono il vivere giocondo;

Ma nelle veglie della fida stanza

Mi lusinga soltanto una speranza.

 

Ed Ella: statti, chè per me non sono

Di così dure tempre; alle amorose

Letizie io credo: A te l’allór; tel dono

Se invaghita ne sei; dammi le rose. —

A quei detti fidenti, all’abbandono

Ahi troppo avverso l’ avvenir rispose,

E al primo voto, al primo dì d’ amore

Si recise degli anni il più bel fiore. —

 

Misera! e dalla lagrimata bara

Un nome non avrai nei dì novelli,

Chè sol dell’opre faticose, o cara,

Nei volumi si vive oltre gli avelli:

Pel dolce capo tuo, per ogni amara

Rimembranza che al cor di te favelli,

Io giuro meditar nei giorni mesti,

Perchè un vestigio, un’ombra di me resti.

***

Alle donne siciliane

No, benchè il tempo muta

La fortuna dei regni e delle genti ,

Non han foglia perduta

Le tue belle corone, o Patria mia!

I sensi e le parole

Vivon di quanti meditar nascosi

Negli ozj generosi;

Vivono ancor gli altissimi portenti

Dei campioni vetusti,

Primieri nei cimenti,

Fra lance, e spade, e riversati busti

Deh sì lieto per noi rifulga il sole;

Deh, come il cor desia,

In noi l’ardire dei Sicani Eroi,

L’antica tempra si rifonda in noi!

Se la benigna etade

I petti nostri al paragon non chiama

Dell’ ira e delle spade,

Oh ne’ caldi pensier, nell’ opre oneste

Si riconforti l’ alma !

Assai più giova di tenzoni e d’ armi

La bell’arte dei carmi,

Che il sorriso di pace e gli ozj brama ,

E ne lusinga e regge

A magnanima fama,

D’ ogni affetto maestra e d’ ogni legge.

Vile chi sdegna la sudata palma!

Saprà, nelle funeste

Cure invilito, nei piacer bugiardi,

Come il rossor, se pur l’infiamma, è tardi.

E da quest’ almo suolo

Arditamente d’ animosa donna

Aprivan gl’ inni il volo.

Oh quel vanto perchè più non s’ agogna

Da libero pensiero?

Perchè l’ umili cure e l’ ozio indegno

Tolgon foco all’ ingegno

Se qui, di senno e di virtù colonna,

Qui preparava Nina,

Disdegnando la gonna,

Al divino Alighier l’ arpa divina?

Deh, mel credete, eh’ io favello il vero,

Il celarsi è vergogna.

Sorgete, o care, e nella patria stanza

Per voi torni l’ ardire e la speranza.

Giovinezza non dura

Sulle gote vermiglie e sul bel crine

Per letizie o per cura,

E tutti spegne dell’ etate il gelo

Quanti florian diletti,

Finchè si scavi all’ ultima percossa

Un obbliata fossa.

Deh men crudeli di quaggiù le spine

Il bell’ oprar ne renda,

Ben nate cittadine,

E del loco natio l’ amor v’ accenda.

Più sicure dovizie agli intelletti

Non piovono dal cielo;

Nè soave lusinga o dolce incanto

È qui verace, ove sol dura il pianto.

Sicilia in noi riscossa

Rintegrerà l’ indomito ardimento,

Le leggi sue, la possa.

Ahi ! smisurato divampava lntorno

Il morbo furibondo,

E le rapia l’ alme più calde, i primi

Esemplari sublimi.

Senz’irà, senza onor, senza cimenti

Un popol si moria.

Derelitto, sgomento,

Per le case dolenti e per la via !

Quanti del sogno ebe più ride al mondo

Eran sul primo giorno

Quando s’ affanna irrequieto il core

Nei dolci voti e nel desio d’ onore !

0 sfortunati nostri,

Su voi commosso qual fratel più sente

Deplorando si prostri ;

Guati la croce, e le glebe, e le pietre

Su pel funereo loco,

E d’uguale virtù, d’uguale affetto

Arda il commosso petto. —

Pel suol che vi nutria sì dolcemente,

E in che durano pure

Quanti amati lasciaste alle sventure,

Voi lassù, redivivi Angeli, invoco:

Le divine faretre

Suonin sugli empi, e alle natie contrade

Torni dei prischi Eroi, torni l’ etade.

***

L’addio di Lord Byron all’Italia

Alfin partia. Chi del crudel momento

Può narrar le memorie ed il dolore,

E ciò che disse ai monti, all’acque, al vento
Di quella terra ove lasciava il core?
Oh come quel dolcissimo lamento
Fu travolto per ira o per livore!
Qual menzognero addio sulle divine
Labbra pose un Francese, un Lamartine?

Taci! L’italo amor del mio Britanno,

Gl’itali sensi, oh male, oh mal comprendi:
Non all’Italia no; ma frutteranno
Onta infame a te stesso i vilipendi.
Italia morta? e innanzi a te non stanno
Ancor vivi, temuti, ancor tremendi
Ugo, Alfieri, Canova’ e presso a questi
Sì magnanimi Eroi, dinne, che resti? —

Quella terra, quel ciel che l’innamora,
Pien di mille pensier, di mille affetti,
Giorgio saluta dalla mesta prora
Coi sospiri, coll’anima, coi detti:
Chi non sogna di te? chi non t’adora,
O bella Patria d’ animosi petti,
Bella Patria dell’arti! il viver mio
Tu che allegrar potesti, Italia, addio.

Italia! Italia! com’è dolce il suono
Della celeste armonica favella!
Nel ciel, nelle odorate aure, nel dono
D’ ogni cosa gentil, come sei bella !
Di foco è l’alma dei gagliardi, sono
Di foco gli occhi d’ ogni tua donzella;
E da quegli occhi, da quell’alme anch’io
Se il bel foco ritrassi, Italia, addio.

Ahi ! per le sette cime e per le valli

Dei famosi che avean la terra doma,
Più non s’urtan guerrieri, armi, cavalli,
Più non suona il trionfo Italia e Roma;
Nè più s’avventa ai minacciosi Galli,
Sanguinoso gli artigli, irto la chioma,
Il gran Leon di Marco, e steso e muto
Anco abborre l’Eroe che l’ ha venduto.

Venduto! ahi rabbia! qual vergogna è questa,
Qual crudo patto, quale iniquo orgoglio !
L’italo sangue avrai sulla tua testa
O snaturato nell’ infame scoglio.
Tu le piaghe sanar d’Italia mesta,
Tu rialzar dovevi il Campidoglio,
Tu di Cammillo erede, il brando e il senno
Vendesti ai figli che scendean di Brenno.

Fioria d’ogni virtù, d’ogni divina
Arte di pace questo suol fioria,
E il tuo brando recò fatal ruina,
E libertà peggior di tirannia.
Oh bugiardi Licurghi! oh Cisalpina,
Oh congrega di ladri, oh peste ria!
Fu per l’italo suol, fu crudo inganno
Se Marengo vincesti e l’ Alemanno.

Com’ aquila fra i nembi, o come lampo
Terribil passa, egli passò l’invitto;
E copre mesto, solitario campo
Il terror dell’ Italia e dell’ Egitto.
Io, benché tutto alla memoria avvampo
Di tanto Eroe, di sì fatal conflitto,
Io fremo, e dico: se vittoria il guida,
La comprò col delitto il parricida !

Oh perdona all’ ingrato! oh alfin riposa
Dopo tanto dolor, tanto contrasto,
E a più bei studi intenta, o Generosa,
Spregia l’armi crudeli e spregia il fasto:
Teco, Madre d’Eroi, teco avrò posa
Io che a soffrir la vita, ohimè ! non basto.
Ritornerò più grande; il cener mio
Qui dormirà compianto: Italia, addio.

Deh posa, posa: troppo dolce e santo
È d’una pace desiata il raggio;
Ma pace bella d’ogni nobil vanto,
Non ozio d’infingarde alme retaggio.
Divina Italia! con che amaro pianto
Vado altrove a cercar lodi al coraggio;
Pur Grecia sogno, e mi vi chiama un Dio…
Addio, Patria mia vera, Italia addio.

***

All’Angelo mio

Oh di te nulla è più soave, oh nulla

Di te più ride nella mente mia!

Tu mi baciasti nella rosea culla,

Mi bacerai nell’ ultima agonia:

Tu spiravi alla tenera fanciulla

Pensier celesti, amabile armonia:

Tu meco in ogni tempo; ma nell’ ore

Più solitarie più ti sente il core.

 

Quaggiù non ti vedrò: quell’immortale

Beltà sol degna è d’ ammirarsi in cielo;

Ma il soffio leggerissimo dell’ ale

M’ agita, mentre io parlo, il crine e il velo.

Amar dunque tu puoi cosa mortale,

Tu puoi vegliarmi con fraterno zelo?

O mio fedel Cherubo, o mio verace

Consolator nei rischi e nella pace.

 

Quando è il pensier più mesto e in sè raccolto,

Al mio pianto risponde un suon di pianto;

Sento una man che m’ accarezza il volto,

Sento una voce che m’ invita al canto:

È la tua man, la tua voce che ascolto,

Sei tu che piangi all’ infelice accanto ;

Più degli eterei balli, o giovinetto,

Ami i nostri colloquj, il nostro affetto.

 

E tu invisibil nella valle amara

Mi seguirai, misterioso amico:

Oh mi rendi, se il puoi, la vita cara,

La vita che paventa il cor pudico.

O almen di rose infiorami la bara,

Fa che in terra non lasci alcun nemico,

Dammi il bacio di morte: il volto mesto

Io sul tuo collo piego, e in Ciel mi desto.

***