Da “Harem” di Vittoria Alliata

Sheika Musa era seduta sul prato, e mi teneva entrambe le mani. «Non ti devi
arrabbiare, Vittoria. Non essere delusa. Non fare anche tu come quegli occidentali che dicono ‹il mondo arabo è finito nel Quattrocento: gli arabi di oggi non sono come quelli di allora, non creano più nulla, scopiazzano l’Occidente, pensano solo a spendere e ad ubriacarsi›. Anche questo è vero, e non credere che non lo vediamo e non ne siamo addolorati. Ma tu che ci hai conosciuti prima, fai uno sforzo per capirci; mettiti nei panni di chi insieme al denaro scopre gli intrighi, il potere, l’ambiguità, e al tempo stesso l’acqua calda, l’aria condizionata, e le lenzuola di bucato. Il male e il bene sono così identici ormai, il progresso è così nefasto e talmente indispensabile che noi ancora non siamo capaci di scegliere. Vogliamo tutto, crediamo che sia la felicità: questo ci dice l’Occidente,<noi siamo i portatori di benessere e di felicità>. Poi ci accorgiamo che non è vero, allora diventiamo diffidenti e astiosi, in ogni straniero vediamo un nemico venuto anche stavolta a sfruttarci. «Non è questa la nostra vera natura, ma della nostra vera natura abbiamo imparato a vergognarci, come ci vergogniamo delle nostre capanne, del nostro passato di nomadi e analfabeti e della nostra povertà. L’Occidente ci ha derisi o idealizzati; non siamo né selvaggi né eroi. Siamo esseri umani, forse con colpe e virtù diverse dalle vostre, ma anche noi pieni di sogni, di desideri, di sofferenze.

*

Vittoria Alliata di Villafranca e Valguarnera (Ginevra, 1950), da Harem, Memoria d ́Arabia di una nobildonna siciliana, Milano, Garzanti, 1980, pp.98-99.

Immagine: Salvatore Fiume (Comiso 1915-Milano 1997), Le preferite del sultano

Annunci