Da “Il cieco” di Giuseppe De Spuches

 

Ma non sempre trai palmiti e le rose
e l’azzurro de’ cieli e l’aurea luce
letiziar nelle serene cose
può l’intelletto, cui Natura è duce:
ma bello è il turbinar delle nevose
nubi, e l’urlo de’ venti e l’aer truce,
e l’ocean che mugghia, e fiammeggianti
pel buio immenso i fulmini sonanti.
*
Giuseppe De Spuches (Palermo, 1819 – 1884)

Immagine: Renato Guttuso ( Bagheria PA 1911- Roma, 1987), Mareggiata

Fonte: Poesie di Illustri Contemporanei scelte e ordinate da Ferdinando Bosio, Milano, 1865. https://www.yumpu.com/it/document/view/14946143/poesie-di-illustri-italiani-contemporanei-scelte-e-ordinate/159

Annunci

Da “Partenza” di Mario Rapisardi

Italy, Sicily, Catania, Town Hall. Whole artwork view. Portrait of a betrayed woman with curly hair. Her blouse is drawn open on the left side of the body. She wears a long, dark-coloured skirt. She sits on a floral sofa; behind her, can be seen a curtain. At her left, the sheet of a letter with inscriptions is posed on a drape. Black, white and dark tones are the predominant colours of the painting, characterized by light and shadow.

Quando ne le tacenti
Rigide notti un timoroso affetto,
Come a trepida lampa aura che fugge
Ad agitar ti vien l’anima in petto,
E tutta paurosa ne le custodi coltrici ti stringi,
E al vigile pensier schermo non trovi,
Io sonno esser vorrei:
Come farfalla in giglio
Io l’ala poserei
Sovra il tuo roseo ciglio.

Mario Rapisardi ( Catania, 1844-1912) da “Partenza”, in “Le ricordanze”, 1872.

Immagine: “La tradita” di Giuseppe Sciuti (Zafferana Etnea, CT, 1834- Roma, 1911) da http://www.gettyimages.it/

Nota di lettura a “E’ lo stesso” di Francesca Lavinia Ferrari

Pezzi di vetro.
Scaglie di specchi.
Briciole di calce.
Cos’è crollato?
Non un graffio
sulla mia pelle candida.
Nel silenzio spettrale
un viso trascolora.
È il mio?
Un formicaio di figli
sugge mammelle.
Non fermo il passo.
A destra e a manca
li scanso.
Da qualche parte c’è.
Un uomo.
Meglio fermarsi?
O esaurirsi in tentativi?
Farsi bastare il pane
rimasto nelle tasche
fino al tramonto?
O fuggire alti?
Amarsi vivi?

C’è la donna in questi versi, in primo piano e sullo sfondo. Sempre, prepotentemente la donna, con le sue solitudini, la sua fame d’amore, i suoi anfratti insondabili e misteriosi: la donna multipla, sfaccettata, e allo stesso tempo così semplice. Una monade che è linfa a sé stessa, che trae forza e nutrimento dalle sue fragilità. E c’è una profondità tutta femminile in questo grido silenzioso eppure assordante che si fonde con il verso e ne sublima la musicalità. Ancora una volta Francesca Lavinia Ferrari ci racconta la donna che è in sé ed è in tutte: una donna che è unica e contraddittoria anche e soprattutto nella sua più intima essenza – l’amore – e che nel dolore riafferma la sua dignità. In lei la vita è parto continuo: in questa donna c’è il gusto ancestrale per il sacrificio, l’unico punto fermo sul quale ruota un universo emozionale capace di donarsi nella luce e di retroflettersi come un utero di fronte al buio del rifiuto, della delusione. Dietro la parete liscia c’è un abisso scabro dove “un formicaio di figli”, partoriti e alimentati da un’illusione, continua a reclamare il diritto alla vita: sogni infranti, rotti come bicchieri. Mille frammenti di vetro che moltiplicano il riflesso: ora, di fronte al suo amore reciso, morto, annientato, la donna è più sola che mai. Attorno a lei tutto è andato in pezzi: il tempo, lo spazio, sono rimasti come sospesi su un cumulo di polvere e di macerie. E i suoi occhi attoniti guardano, si stupiscono: il contrasto fra la devastazione che la circonda e la sua pelle ancora intatta la spinge ad andare avanti, a non fermarsi. Fragile e bianca, ella avanza tra i resti del crollo col suo bagaglio di domande, senza cercare di rompere il silenzio di morte che incombe come una condanna. Tutto si allontana alle sue spalle, mentre ombre indistinte si offrono per accompagnarla nel viaggio. Non serve. La donna è cosciente delle sue ferite anche se non riesce a vederle: invece di lacerarla, queste ferite la guidano verso la meta. Quale meta? Non un uomo, che “da qualche parte c’è” ma, ovunque si trovi, è lì per porre nuovi interrogativi, forse senza risposta. Quel cammino, fatto probabilmente di soste, di fughe improvvise, di cadute e di giorni stentati dove il respiro, il senno, il pane potrebbero non bastare fino al tramonto, condurrà ad un’unica meta, ancora quell’amore che mentre uccide restituisce un senso alla vita intera.

*

Donatella Pezzino

(Recensione pubblicata sulla rivista “Bibbia D’Asfalto” n. 6, dicembre 2015- Matisklo Editore)

Immagine: Monia Merlo Photography

Il “Quadrato numero 38” di Luigia Ferro

Con il guanto liscio e inossidabile
della mano tua forte e materna
ti ho visto crearmi.

Di parole in preghiera
la favola serale dei baci
mi hai lasciato fame del tuo seno.

Nel corpo mio: ormai di donna
fetale al fianco tuo
cullato dagli Ave, trovo la pace.

Gli occhi ridenti, luminati di sacro dolore
m’accendano, al pensarli,
di orgoglio adorante.

Poco importa se il tuo tramonto
non lo misuro in passi,
la mente inganna: già mi manchi.

La grazia dell’omonima
stendardo al mio incedere
non sono degna ma benedetta.

*

Luigia Ferro (Catania, 1990 – Butera, 2016)

Fonte: http://www.symmachia.it

Sulla poetessa Luigia Ferro si veda anche: http://pennearmaterivista.blogspot.it/2016/04/omaggio-alla-poetessa-luigia-ferro.html

Immagine: Antonino Gandolfo (Catania, 1841-1910), Per via, 1885 – da https://howlingpixel.com

Una poesia di Daìta Martinez

 

nun vogghiu scappari

u capisci ?
capisci

c’havi lu senu granni
d’aranci cu li fogghie
chine d’amuri lu suli

nun ti vutare l’occhi

all’avutra
banna

e nun chianciri sutta
li balate chi lu ciatu
arrucia li passi chini

cu la spiranza matri

m’ascuti

matri ?

ascuta

comu batti lu core
mentri nni crisci a
vuci nta lu jardinu

addumatu di fami e

chista erva
d’acqua

ca ci scummogghia
tènnira la vuccuzza
di zagara quannu lu

celu

:

grapi

_

un canuzzu
s’addifenni
a libirtà

*

Daìta Martinez (Palermo, 1972)

traduzione: non voglio scappare // lo comprendi ? comprendi // ha il seno grande / d’arance con le foglie / piene d’amore il sole // non voltare gli occhi // dall’altra / parte // e non piangere sotto / le pietre intagliate che il fiato / annaffia i passi colmi // di speranza madre // mi ascolti // madre ? // ascolta // come batte il cuore / mentre ci cresce la / voce in giardino // acceso di fame e // quest’erba / d’acqua // che ci disordina / tenera la bocca / di zagara quando il // cielo // : // si apre // – // un cagnolino / difende / la sua libertà

Da “Ancestrale” di Goliarda Sapienza

Separare congiungere
spargere all’aria
racchiudere nel pugno
trattenere
fra le labbra il sapore
dividere
i secondi dai minuti
discernere nel cadere
della sera
questa sera da ieri
da domani

*

Goliarda Sapienza (Catania, 1924-Gaeta, 1996)

Fonte: “Ancestrale”, poesie scelte, Ed. La Vita Felice, 2013

Immagine: Il “Nascondiglio di Venere” di Salvatore Fiume (Comiso-RG 1915-Milano 1997) dal sito http://giovannibonanno.com/novecento-in-sicilia/

 

Graziosa Casella

Senzanome

E’ veru sì, s’avissi diciott’anni

o puru vintott’anni, comu a tia,

non li patissi tanti disinganni

nè mi vinissi sta malincunìa.

La poetessa Graziosa ( Grazia ) Casella nacque a Catania il 20 novembre del 1906.

Catanese purosangue, Graziosa ebbe una vita sentimentale difficile e chiacchierata: madre di cinque figli, partorì la sua primogenita Tommasa all’età di soli 19 anni ( cui seguirono, diversi anni dopo, Salvatore e Maria Adele; ma dalla sua lirica “Li me figghi” pubblicata nel 1956 apprendiamo di altre due nascite) ma si sposò solo nel 1946 con l’insegnante Rodolfo Puglisi, di 15 anni più anziano di lei.

In questo periodo, Graziosa cominciò ad affacciarsi sulla scena poetica catanese che, nel secondo dopoguerra, costituiva uno dei substrati più fiorenti e stimolanti del panorama culturale italiano. Nel corso della sua attività, interagì con poeti illustri come Boley, Giuseppe Nicolosi Scandurra e Vito Marino, con i quali instaurò una pluriennale relazione fatta di scambi, provocazioni, “botta e risposta” e discussioni su argomenti di vario genere.

Di ampia e raffinata cultura, si fece notare per un uso ricercato della lingua italiana e per la sua grande ricchezza espressiva. Conosceva approfonditamente la storia antica e la mitologia, parlava correntemente l’inglese e scriveva abitualmente sia in italiano che in dialetto. Curiosa ed eclettica, mostrò in svariate occasioni una eccellente capacità nel padroneggiare i temi più disparati, dall’amore al tormento esistenziale, dall’amicizia all’insofferenza verso i canoni imposti da una società ipocrita e benpensante.

Quest’ultimo tema, in particolare, costituisce il filo conduttore di tanta produzione poetica della Casella: molte delle sue liriche, infatti, raccontano delle sofferenze procuratele dalle malelingue e dalle calunnie in diversi momenti della sua vita e soprattutto a causa del suo amore, tanto intenso quanto impossibile, per un uomo di parecchi anni più giovane di lei.

A questo legame, Graziosa dedicò nove splendidi sonetti e in particolare “S’avissi diciottanni”, componimento poetico dove l’amarezza del disinganno si unisce ad una straziante sete d’amore. Altri temi ricorrenti nella sua produzione furono la descrizione della natura, la devozione a S.Agata, la passione viscerale per la sua terra e gli affetti personali interpretati con una vena intimista di eccezionale profondità.

Le sue liriche, pubblicate su diversi giornali dell’epoca e soprattutto sulla celebre rivista di satira, politica e cultura “Lei è lariu”, riscossero molto successo e le regalarono una grande notorietà nonostante la quale ella mantenne sempre un contegno umile, serio e dignitoso, sia davanti ai suoi estimatori che nei confronti di chi la denigrava.

Prima della morte, avvenuta nel dicembre del 1959, Graziosa consegnò ai suoi colleghi poeti due manoscritti, “Ciuri di spina” e “Autunnu e primavera”: queste raccolte, mai pubblicate, racchiudevano poesie vibranti di tutta la sensualità, la passione e il dolore di cui l’animo sensibile della poetessa era stata capace.

Nonostante il successo e la popolarità raggiunte in vita, Graziosa Casella è oggi poco conosciuta e del tutto dimenticata. Recentemente, il poeta e musicista Alfio Patti ne ha ricostruito il profilo ed il percorso culturale, raccogliendo alcune delle sue più belle liriche nel suo saggio “Arsura d’amuri. Omaggio a Graziosa Casella” edito da Bonanno (2013).

Donatella Pezzino

Poesie di Graziosa Casella

Fonti: