Letteria Montoro

Letteria Montoro nacque a Messina il 19 aprile del 1825.

Diverse fonti coeve ne lodarono la fine bellezza e la spiccata intelligenza; ma Letteria fu anche una donna politicamente impegnata, liberale convinta e dotata di una personalità forte, combattiva e spesso ribelle, caratteri che mal si accordavano al contesto culturale e sociale – fortemente maschilista – nel quale viveva. Così recitava il testo dell’epitaffio posto sulla sua tomba al cimitero monumentale di Messina:

Qui per volere del Comune/ l’ala dell’oblio non graverà sulle ceneri/ di LETTERIA MONTORO/ che l’anima forte ed eletta/ trasfuse in versi soavii ed in prose eleganti/ donna di spiriti liberali/ confortò i fratelli che combattevano/ per la redenzione d’Italia/ li seguì nell’esilio/ e ad essi tornati in patria/ sacrificò cristianamente la vita/ mirabile esempio di fraterno affetto!/ 19 aprile 1825 – 1 agosto 1893

Oggi questo epitaffio non esiste più: la lapide che lo conteneva, infatti, è andata distrutta durante il terremoto del 1908. Ma anche la memoria di Letteria ha subito un triste destino: caduta progressivamente nell’oblio dopo la sua morte, la poetessa è oggi quasi completamente dimenticata ed è solo grazie all’impegno di studiose come Daniela Bombara se abbiamo la possibilità di riscoprirla.

Figlia di un esule per motivi politici, la giovane Letteria partecipò attivamente ai grandi eventi risorgimentali: durante i moti del 1848 collaborò con il settimanale “L’aquila siciliana” e fornì il suo sostegno ai patrioti che combattevano in prima linea. Dopo la conclusione dei moti, scelse volontariamente di seguire i suoi fratelli nell’esilio. Questa scelta non era dettata solo da motivi di generosità, affetto o coerenza morale: in quell’epoca, infatti, la donna esule svolgeva spesso una preziosa opera di mediazione tra i proscritti politici e le istituzioni governative. E’ quindi probabile che Letteria abbia approfittato del confinamento per proseguire la sua attività in favore dei patrioti.

Tornata a Messina, si assunse l’impegno di curare da sola la sua numerosa famiglia sollevando suo fratello sacerdote da diversi compiti gravosi; nonostante ciò, riuscì anche a dedicarsi alla scrittura. Dal 1850 cominciò a pubblicare poesie, romanzi e novelle, scritti nei quali trasfondeva i moti del suo animo e le tracce della sua vicenda autobiografica e che riscossero un immediato successo di pubblico e critica.

Articolate in un’ampia varietà di generi – civile, patriottico, lirico, d’occasione –  le poesie di Letteria destarono interesse soprattutto per la loro forte impronta leopardiana: in esse, la giovane letterata messinese cercò di unire le sue spiccate attitudini speculative ad uno struggente lirismo, con frequenti richiami al lessico e alle tematiche tipiche di Leopardi. Tuttavia, il suo contatto con il pensiero leopardiano restò perlopiù limitato alla visione del dolore come elemento costitutivo della vicenda umana, un tratto che ella sentì in forte sintonia col proprio vissuto e col proprio sentire. In lei, però, questo dolore trova una via d’uscita nella fede religiosa e nella convinzione dell’esistenza dell’anima, mentre le restano estranei il concetto di “natura matrigna” e il laicismo. “Il pensiero dell’anima”(1885), una delle poesie più famose e apprezzate della Montoro, costituisce sicuramente la cifra più rappresentativa di questo suo “leopardismo minore”. Eccone uno stralcio :

O peregrina idea

Ove ti aggiri e celi

Lungi dal guardo mio! Qual erma sede

Solo per te creata,

O quale avventurata

Dell’immenso universo ascosa parte

Di tua presenza bei?

Dimmi se vera è tua sostanza in questo

Moto eterno dell’essere infinito,

O vagheggiata invano dal pensiero

Ognor tu fosti e sei. Qual nell’umana

O celeste famiglia,

Qual beltade alla tua si rassomiglia?

Nonostante la saltuarietà con la quale Letteria, assorbita dagli impegni domestici, potè dedicarsi all’attività letteraria, contemporanei del calibro di Giuseppe Pitrè tributarono ai suoi versi un’altissima considerazione, tanto da affiancarli alle opere di altre sue grandi conterranee quali Mariannina Coffa, Giuseppina Turrisi Colonna, Rosina Muzio Salvo e Concettina Ramondetta Fileti.

Fra i suoi scritti in prosa, fu particolarmente apprezzato il romanzo storico “Maria Landini”: considerato la sua opera maggiore, è ricco di spunti autobiografici, a cominciare dal carattere della protagonista. “L’autrice” scrive Daniela Bombara “propone qui un’eroina fascinosa e combattiva, che cerca di affermare la propria volontà e libertà di scelta in un contesto sociale degradato, corrotto e violento.” In questo lavoro, Letteria sfrutta gli strumenti del romanzo “misto di storia e di invenzione” per dar vita ad una vicenda avvincente e scorrevole mostrando, allo stesso tempo, la reale condizione della Sicilia del suo tempo: vi risalta la marginalità culturale e sociale dell’isola rispetto al resto d’Europa nonostante i tanti fermenti culturali e artistici, ma soprattutto la condizione femminile vista da una singolare angolazione, quella di una donna – Letteria, appunto –  soffocata da un ambiente misogino e restrittivo, che non le perdonava il fatto di non essere sposata e di aver preteso di fare della scrittura uno strumento di emancipazione e di legittimazione sociale.

Dopo l’Unità d’Italia, Letteria vide pubblicati i suoi scritti sul periodico genovese “La Donna”; collaborò inoltre alla Strenna femminile dell’Associazione filantropica delle Dame Italiane (1861), alla raccolta Poesie di illustri italiani contemporanei (1865), alla Strenna veneziana (1866) e al volume Candia, pubblicato a cura del Comitato Italo-Ellenico di Messina (1868). Nel 1865 fu l’unica poetessa messinese chiamata a commemorare il centenario di Dante: in questo evento, la città di Messina riunì i migliori intelletti della città fra letterati e docenti universitari. Per l’occasione, Letteria scrisse un componimento intitolato Pel centenario di Dante Alighieri, sostenendo la tradizionale immagine risorgimentale del Dante prefiguratore dell’Unità d’Italia. Morì nel 1893.

Donatella Pezzino

Immagine: un ritratto di Letteria Montoro tratto dal sito http://www.enciclopediadelledonne.it

Fonti:

  • Daniela Bombara, Ripensamento della tradizione e approdo alle idealità romantiche nella Sicilia di primo Ottocento: vita e opere di tre letterate ribelli, in Quaestiones Romanicae, III/2, Università di Timisoara, 2015, pp.400-412.
  • http://www.enciclopediadelledonne.it/biografie/letteria-montoro/
  • Daniela Bombara, Al margine dei margini: ribellione, esperienza del dolore e denuncia sociale in Letteria Montoro, donna siciliana e scrittrice del romanticismo, nstitucional.us.es/revistas/Culturas/20/HTML/13_Bombara_daniela.html
  • Rita Verdirame, Narratrici e lettrici (1850-1950). Le letture della nonna da Contessa Lara a Luciana Peverelli, Padova, Libreria Universitaria, 2009.
  • https://www.yumpu.com/it/document/view/14946143/poesie-di-illustri-italiani-contemporanei-scelte-e-ordinate/159
  • Montoro, L., Maria Landini. Romanzo, Palermo, Clamis e Roberti, 1850.
  • Montoro, L., “Il pensiero dell’anima”. Francesco Guardione ed. Antologia poetica siciliana del secolo XIX , con proemio e note, Palermo, Tempo, 1885, pp. 333-336.
  • Montoro, L., Sul sepolcro del sacerdote Francesco Montoro, sua sorella Letteria., Messina, Tip. del Progresso, 1886.
  • Sulla tomba della Chiarissima Mariannina Coffa poetessa notina. Versi sciolti letti nell’Accademia radunanza straordinaria del 6 aprile 1878 nel Gabinetto Letterario Ibla Erea di Ragusa, Palermo, Virzì, 1878
Annunci

Giuseppina Turrisi Colonna

foto-113

Giuseppina Turrisi Colonna nacque a Palermo il 2 aprile 1822, secondogenita del barone di Buonvicino, Marco Turrisi Colonna, e della nobildonna Emilia Colonna Romano. Fu sempre molto legata alla sorella maggiore, la pittrice Annetta, di due anni più grande di lei.

Giuseppina crebbe in un clima familiare sereno e rispettoso delle sue inclinazioni, come di quelle di sua sorella e dei suoi tre fratelli Nicolò, Giuseppe e Antonio. La stessa madre, donna di raffinata cultura e di larghe vedute, incoraggiò, in particolare, il talento artistico delle figlie ed il loro sentimento patriottico. Mentre Annetta mostrava una spiccata propensione alle arti figurative e pittoriche, Giuseppina, fin da giovanissima, rivelò una eccezionale attitudine alla poesia.

Giuseppina ed Annetta ricevettero quindi una scrupolosa educazione ed una accurata istruzione: a tale scopo i genitori le affidarono a maestri di grande levatura culturale. Molto peso sulla formazione delle due ragazze ebbero a questo proposito, le lezioni di Giuseppe Borghi, in seguito alle quali Giuseppina compose i suoi primi Inni sul modello di quelli manzoniani. Ad appena 14 anni, la giovanissima poetessa mostrava già di possedere talento ed una forte personalità: i suoi componimenti, infatti, erano ben lontani da qualsiasi sentimento di cristiana rassegnazione. La nobile giovinetta preferiva raccontare, con una passione vibrante, di Giuditta liberatrice del suo popolo, anticipando quello che sarebbe diventato poi uno degli aspetti fondamentali della sua poetica: il ruolo delle donne nella liberazione della Sicilia dal giogo straniero e nel processo di unificazione italiana.

In questo senso, Giuseppina Turrisi Colonna può a buon diritto essere considerata una pioniera del femminismo:

 

Né trastullo, né servo il nostro sesso

 col forte salga a dignità conforme!

 E non è un caso che la “Reale Scuola Normale Femminile” fondata a Catania con Regio decreto nel 1861 ( oggi è un istituto magistrale statale) le sia stata, a suo tempo,  intitolata. Così recitava la sua “Ode alle donne siciliane”, composta nel 1843 e pubblicata a Parigi, nel celebre “Parnaso italiano dei poeti contemporanei”:

 Sorgete o care, e nella patria stanza

 per voi torni l´ardire e la speranza

 

E se pensiamo che il femminismo italiano si svilupperà nel Nord Italia solo alla  fine dell’Ottocento grazie all’opera di
donne come Anna Maria Mozzoni e Marchesa Colombi ( Maria Antonietta Torriani) , ci rendiamo conto che Giuseppina può essere considerata addirittura una precorritrice. Lottare per la patria, incitare alla rivolta sembra essere una vera e propria “missione” a cui questa eccezionale giovinetta, ispirata dalla “voce di Dio” come una moderna Giovanna D’Arco a cui lei stessa si paragona, non esita ad immolarsi:

 Non trastul, ma di Dio
Voce i carmi saran, saran divina
Mission fra le genti,
E le sicane menti
Guidar di gloria nel cammin desio
Come al trionfo del natio Paese
Guidò gli Eroi la vergine francese!

 Così, maturando nel suo intimo una poesia “eroica” e con un’epica tutta al femminile, Giuseppina rifiuta di tradurre Anacreonte perché troppo delicato e preferisce i tormenti di Byron, il suo coniugare assieme poesia e vita da immolare sull´altare della libertà.
Nel 1841, a soli 19 anni, pubblica il suo primo volumetto di poesie. E’ un momento molto delicato: Palermo, recentemente colpita dal colera, è in preda alla più cruda desolazione. I versi servono a Giuseppina per continuare a guardare avanti, e a continuare a sperare in un futuro migliore per il suo popolo.

Tra i suoi modelli troviamo anche delle grandi poetesse del passato, in particolare Gaspara Stampa e Vittoria Colonna:
in esse, infatti, rifulge già l’ideale di una femminilità attiva e consapevole,  nella quale  Giuseppina si ritrova appieno. Lei, infatti,
scrive per tutti ma soprattutto per le altre donne,  incitandole a reagire tirando fuori forza, coraggio e tenacia: tre virtù tipicamente femminili, da sempre al servizio della famiglia e della patria intera.

Liriche di Giuseppina Turrisi Colonna

Di lì a poco, Giuseppina comincia a scrivere articoli sul polemico giornale palermitano “La ruota” e nel 1846 trascorre l´estate a
Firenze, dove con Le Monnier pubblica un secondo volume di poesie molto apprezzato dai critici. È fra i primi a superare
il  concetto limitante di “patria siciliana” e continua a rivolgersi alle donne, da cui attende un risorgimento
morale affinchè possa realizzarsi quello politico. E sogna un´Italia unita, ma non ad opera del papa: secondo lei, infatti,  l´Italia non può rinascere «nelle tenebrose sale del Vaticano».

Nel 1847 Giuseppina sposa il suo grande amore: è il principe Giuseppe Galati De Spuches. Sembra quindi attenderla una lunga vita di successi, sia artistici che familiari. Ma la sua felicità è di breve durata: nel 1848 muore di parto, a soli tre giorni di distanza dalla sorella Annetta ( morta di tisi).

La poetessa riposa nella bellissima chiesa di san Domenico a Palermo. Di lei ci restano tanti ritratti, dipinti dall’amatissima sorella, dove attraverso la bellezza del volto traspare l’indimenticata grandezza del suo animo.

 

Donatella Pezzino